Tre metri sopra il Cerro

Sandro Melotti ha 20 anni e lavora presso una malga sopra Erbezzo. E’ un tipo ribelle, ha il tratto cimbro, nel tempo libero partecipa a gare motociclistiche con un Ape Car truccato sui tornanti che portano a San Giorgio. Gioia Sauro ha 18 anni e lavora come cameriera e cantante di karaoke in una pizzeria di Cerro: è una ragazza semplice, dolce, sognatrice, peccato solo per quel problema di dipendenza dal Monte Veronese (e per i conseguenti 88 chili di peso).

I due si conoscono all’annuale Festa dell’Apicoltura di Bosco Chiesanuova: incontrandosi casualmente davanti alla stessa arnia, si scambiano un fugace ed intenso sguardo d’amore. La sera dopo Sandro invita Gioia a pattinare al Palaghiaccio, e lì, saldamente aggrappati alla balaustra della pista per non cadere rovinosamente sul ghiaccio e non vedersi così sfilare i legamenti dalle ginocchia, si danno il loro primo bacio. Poi Sandro deve però scappare a casa, non per un improvviso disamore bensì per gravi problemi intestinali, perché nella pista del ghiaccio è stato ricreato lo stesso habitat dell’Antartide.

Ma il loro rapporto continua incrollabile. Anche quando Gioia deve andare a studiare in Erasmus per sei mesi a Corbiolo, una mattina, nel campo sotto casa dove le vacche pascolano inebetite dalle mosche, troverà scritto: “Io e te, tre metri sopra il Cerro”. Corbiolo, appunto.

 

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Lana (sabato, 06 settembre 2014 02:15)

    Ti amo.

  • #2

    Alberto (sabato, 06 settembre 2014 12:29)

    Grazie, anch'io.

Alberto Fezzi

 

Venerdì 20 maggio ore 20.00

Libreria Il Minotauro, Verona

Presentazione del nuovo libro "La cura per dimenticarsi"

Giovedì 16 giugno ore 18.30

Caffè Mazzanti, Verona

Presentazione del nuovo libro "La cura per dimenticarsi" all'interno della rassegna "In libro veritas"