La terra di nessuno

Le scuole medie sono la giungla, la terra di nessuno. E’ un mondo feroce popolato da esseri informi, che non sono più niente e non sono ancora niente: non più bambini, non ancora ragazzi.

Sono indefiniti come le materie che studiano. Prendiamo l’educazione tecnica, ad esempio: che razza di materia è questo folle pastone didattico che pretende di insegnare a un ragazzetto di dodici anni tutto ciò che c’è di “tecnico” al mondo, dal funzionamento di un altoforno al disegno di un cubo in prospettiva?

Questi esseri esistono, ma è come se non ci fossero. Sono irrilevanti perché erano così bellini quando erano bimbi e avranno un qualche ruolo quando saranno più grandi, ma a quell’età di mezzo sono, in fin dei conti anche per se stessi, una gran rottura di palle.

Chi può considerare rilevanti quegli anni? Chi ne conserva un ricordo indelebile? Alle scuole medie circolano insiemi cellulari che interagiscono in modo maldestro: c’è quello già troppo cresciuto che picchia tutti per sfogare il suo gigantismo, perché è così ipersviluppato che alle coetanee non piace. Queste, infatti, preferiscono quelli più carini (e l’ipersviluppato, in quanto tale, mai potrà possedere quei lineamenti regolari

che lo farebbero risultare carino, egli è una bestia, è Sloth dei Goonies, ha la funzione dell’orso scemo nei circhi); a loro volta, però, quelli più carini possiedono lineamenti regolari perché sono ancora piccoli e dimostrano quindi sei anni, mentre alcune ragazzine già alle medie esplodono nel corpo con la forza di una giumenta gravida: si formano quindi queste astruse coppiette, formate da una Gina Lollobrigida in nuce che si struscia addosso a un innocuo Geronimo Stilton.

E poi c’è il battaglione degli anonimi, quelli non grandi, non piccoli, non belli, non brutti, quelli che si svilupperanno più avanti e trascorrono quest’età in completa trasparenza. Almeno gli altri combinano qualcosa per cui dire “sto vivendo”, ma questi invece scivolano via, sopravvivono. Vorrebbero far parte della bolgia, della giungla, della terra di nessuno. Vorrebbero picchiare, vorrebbero piacere, vorrebbero palpeggiare o essere palpeggiati. Lo vorrebbero persino disperatamente, ma questo non accade: il loro momento, nella vita, verrà più avanti. A loro adesso tocca stare in un angolo a guardare gli altri vivere.

Come fa Chiara, dall’angolo della classe, in quel primo banco davanti a destra, vicino alla porta di ingresso. Piccola e magra, passa praticamente tutta la mattina girata di sbieco verso la classe a guardare i compagni.

Guarda Giulio-Geronimo Stilton, che alla ricreazione corre in bagno a baciarsi instancabilmente con Roberta-Gina

Lollobrigida, due dodicenni che sembrano amarsi in modo infinito, che sembrano destinati a bruciare al fuoco della loro passione sfrenata e clandestina per tutta la vita, imprigionati non nel Quinto Canto dell’Inferno, ma nel terzo piano di una scuola media; guarda il gigante Antonio che, smessi i pugni ai compagni, frequenta il medesimo bagno per fumare, perché lui a dodici anni, per stazza e modi, potrebbe essere già il protagonista di Fronte del Porto; guarda Andrea, piccolo e cattivo, con il profilo lombrosiano del teppista, diventato famoso in classe perché da un paio di mesi ha cominciato a bestemmiare ferocemente, senza alcun motivo, utilizzando la blasfemia come insensato intercalare, tanto che il suo stesso respiro ha assunto la conformazione di inspirazione-espirazione-bestemmia-inspirazione-espirazione-bestemmia e così via; guarda il banco di Alessandra, sempre vuoto il martedì mattina perché lei si è auto-esonerata dalle lezioni di musica, dopo che una di quelle mattine

l’insegnante le ha fatto suonare da sola il flauto per vedere se aveva studiato la parte e le sue acutissime stonature avevano portato uno stormo di piccioni a schiantarsi coscientemente contro i vetri delle finestre della classe (però lei, almeno un giorno alla settimana, ha avuto il coraggio di rendersi invisibile veramente); guarda Severino, nome da predestinato, magro come un chiodo e silenzioso come un monaco, pallido e assente, con un futuro sicuramente complesso davanti a sé.

L’unica con cui parla veramente è la sua compagna di banco, Eleonora, che anche se bionda con gli occhi azzurri resta tra gli anonimi, perché è quel biondo-occhi azzurri diafano, pallido, austero, che di certo non attrae i maschi dodicenni come invece riescono a fare le sformate compagne neo-ciociare. 

Per Eleonora e per Chiara, la vita comincerà più avanti.


Scrivi commento

Commenti: 9
  • #1

    Sherlyn Crandall (venerdì, 03 febbraio 2017 02:08)


    Greetings! Very helpful advice within this post! It's the little changes that will make the most important changes. Many thanks for sharing!

  • #2

    Latosha Rebuck (venerdì, 03 febbraio 2017 15:00)


    Hi my loved one! I wish to say that this article is awesome, great written and include approximately all significant infos. I'd like to look extra posts like this .

  • #3

    Renita Zenz (sabato, 04 febbraio 2017 03:03)


    Thank you for sharing your info. I truly appreciate your efforts and I am waiting for your further post thank you once again.

  • #4

    Nisha Letts (lunedì, 06 febbraio 2017 09:35)


    Do you mind if I quote a couple of your articles as long as I provide credit and sources back to your weblog? My blog site is in the exact same area of interest as yours and my users would definitely benefit from a lot of the information you present here. Please let me know if this alright with you. Many thanks!

  • #5

    Brandi Kellog (lunedì, 06 febbraio 2017 10:27)


    Hi there, I enjoy reading all of your article post. I wanted to write a little comment to support you.

  • #6

    Keva Fennelly (martedì, 07 febbraio 2017 09:04)


    Fantastic post however I was wondering if you could write a litte more on this subject? I'd be very grateful if you could elaborate a little bit further. Cheers!

  • #7

    Kelsie Hermanson (mercoledì, 08 febbraio 2017 20:26)


    Howdy! Quick question that's completely off topic. Do you know how to make your site mobile friendly? My site looks weird when browsing from my iphone4. I'm trying to find a theme or plugin that might be able to correct this problem. If you have any suggestions, please share. With thanks!

  • #8

    Kalyn Hammaker (giovedì, 09 febbraio 2017 21:34)


    Excellent weblog right here! Also your web site a lot up very fast! What host are you the use of? Can I get your associate link in your host? I desire my website loaded up as quickly as yours lol

  • #9

    Mui Yarber (venerdì, 10 febbraio 2017 03:03)


    I enjoy what you guys are usually up too. This type of clever work and coverage! Keep up the great works guys I've incorporated you guys to my blogroll.

Alberto Fezzi

News

25.11.2017 

Uscita del nuovo romanzo "No!", già finalista, da inedito, al Torneo Letterario Io Scrittore 2017.

 

 

8.11.2016 

Guarda il book-trailer de "Le Addizioni Femminili"!

 

 

12.7.2016

"Le Addizioni Femminili" è stato selezionato tra i partecipanti al XXI^ Premio Letterario Internazionale "Scrivere per Amore".