FINO ALLE LACRIME

IL LIBRO

(Bonaccorso Editore, 2008)

Prefazione di Umberto Smaila

 

Fede, Giò, Frank e Giorgione sono quattro amici, e questa è la loro storia: il periodo del liceo, e poi le scelte e le strade che ciascuno ha preso una volta finita la scuola. Uno spaccato della vita e dei pensieri di una generazione di trentenni: amicizie, aspettative, ricordi, amori, speranze e frustrazioni. Uno spensierato inno all’amicizia tra "Cuore" di De Amicis, "Colla" di Irvine Welsh, e "Un Mercoledì da Leoni", sempre in sospeso tra felicità e tristezza: in ogni caso, comunque, fino alle lacrime. Con "Sognando un Negroni" e "Io ballo da solo (però mi guardo intorno)" questo libro compone, per stile e tematiche trattate, la Trilogia del Negroni, con buona pace di tutte le saghe, da Tolkien a George Lucas. Firma la prefazione Umberto Smaila, ex Gatto di Vicolo Miracoli.

“Pochi libri mi hanno fatto ridere tanto quanto quelli di Alberto Fezzi, di cui sono diventato sincero amico e ammiratore. La sua malcelata anarchia, la sua coprofilia dilagante, che tuttavia non suona mai volgare, la sua cattiveria nel descrivere i “tic” della provincia borghese e in generale delle nuove precarie generazioni, vittime della globalizzazione, costituiscono la cifra precisa e l’indiscussa originalità di questo “genietto” veronese. Sublime Fezzi! Questa tua ultima fatica letteraria è anche meglio delle precedenti! Hai, per me, raggiunto una capacità di analisi satirica che mi ricorda il cinismo sadico di Woody Allen.”

Umberto Smaila

 

“Irriguardoso e picaresco. Una mescolanza di ferocia pirotecnica con l’umorismo e la pietà. A ritmo jazzistico, senza tante ciprie liriche, dalla rigogliosa vegetazione verbale si affaccendano a saltar fuori tutti i volti e le storie di un cabaret della quotidianità scolastica.”

Corriere della Sera

 

“Il giovane e fortunato autore conquista subito la vetta della classifica. Un caso tutto veronese. Lo stile che contraddistingue i suoi lavori è rimasto lo stesso, ironico, a volte dissacrante, a volte più riflessivo, ma con una particolare attenzione per la generazione dei trentenni d’oggi.”

L’Arena

 

“Uno spaccato che non è più solo locale. Un punto di vista curioso da cui guardare il mondo. L’opera più compiuta.”

DNews

 


Alberto Fezzi

 

Venerdì 20 maggio ore 20.00

Libreria Il Minotauro, Verona

Presentazione del nuovo libro "La cura per dimenticarsi"

Giovedì 16 giugno ore 18.30

Caffè Mazzanti, Verona

Presentazione del nuovo libro "La cura per dimenticarsi" all'interno della rassegna "In libro veritas"